Dieta del dottor Mozzi: alimentazione in base al gruppo sanguigno
Alimentazione sana

Dieta del dottor Mozzi: alimentazione in base al gruppo sanguigno

 

La dieta dei gruppi sanguigni pare riscuotere un notevole successo e viene molto ricercata dalle persone, ma in cosa consiste? Come applicarla e in quali circostanze?

Dieta, Regime alimentare o Benessere

L’auspicio di questa forma di alimentazione e anche la sua finalità, è quella di prevenire l’insorgenza di talune malattie mantenendo al contempo e ritrovando la forma fisica e il benessere. 

La dieta del gruppo sanguigno, fa leva su una serie di scelte alimentari che derivano e vengono applicate sulla base del gruppo sanguigno della persona, in grado di determinare talune tipologie di cibi benefici e altri, all’opposto, che a lungo andare possono diventare nocivi per la salute.

La storia della dieta

Questa dieta non è stata pensata dal dottor Mozzi, bensì venne ideata dal dottor Peter D’Adamo, e successivamente ripresa in Italia dal dottor Piero Mozzi, da lui diffusa tramite pubblicazioni e contenuti web. 

Il sintesi la dieta funziona come segue e viene determinata sulla base di alcuni concetti scientifici:

1. sussiste un legame stretto tra ognuno dei gruppi sanguigni 0, A, B e AB e il sistema immunitario,

2. gli antigeni contenuti nelle cellule del sangue riescono a dare vita a determinate reazioni avverse nel momento in cui si va ad assumere un alimento percepito come nocivo, avviene nell’organismo ciò che si manifesta quando il corpo e il sistema immunitario reagiscono per contrastare virus e batteri

3. i cibi non sono tutti identici per cui sulla base del gruppo sanguigno, è essenziale andare ad appoggiare alcune categorie di alimenti piuttosto che altri.

Il funzionamento della dieta

In questa dieta non vi sono imposizioni per ciò che riguarda il numero di calorie, anche per tale ragione appare come diversa rispetto ad altri regimi alimentari, e non prevede nemmeno di escludere determinati cibi che contengono carboidrati, grassi o proteine. 

Il consiglio è invece quello di cibarsi richiamandosi al personale gruppo sanguigno e quindi di assumere alimenti che in base a questo parametro risultino apportare benefici per l’organismo individuale. 

In conseguenza di ciò vi sono comunque alimenti classificati sulla base dei gruppi sanguigni, ad esempio:

N°1: benefici, ovvero capaci di migliorare le difese immunitarie

N°2: neutrali, sono quelli tollerati dall’organismo ma sostanzialmente privi di effetti positivi o negativi

N°3: cibi dannosi, di conseguenza non compatibili con il proprio sistema immunitario. 

Per approfondire la dieta consigliamo di leggere:

 

La Dieta del Dottor Mozzi
Gruppi sanguigni e combinazioni alimentari

Voto medio su 181 recensioni: Da non perdere

€ 19

Articolo scritto da: Erika

You Might Also Like...

No Comments

    Leave a Reply

    Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

    Privacy Policy