Olio essenziale di Lavanda: proprietà e usi
Benessere psicofisico Rimedi naturali

Olio essenziale di Lavanda: proprietà e usi

 

Utilizzata per scopi medicinali e religiosi per oltre 2.500 anni, ancora oggi in fitoterapia, aromaterapia, cosmetica e svariati disturbi, l’olio essenziale di lavanda è senza dubbio tra gli oli essenziali più conosciuti e apprezzati per le sue molteplici proprietà e proficui usi. 

Considerato come l’olio essenziale rilassante per eccellenza, la lavanda esercita una piacevole ed efficace azione sulla psiche, ripristinando il contatto con le nostre energie più profonde. Come tutti gli oli essenziali, anche quello di lavanda vanta numerosissime proprietà e usi che vanno dalla cosmesi al raggiungimento del benessere mediante l’aromaterapia. 

Descrizione della pianta

Il nome botanico della Lavanda è Lavandula angustifolia o abitualmente chiamata Lavanda officinalis. Appartiene alla famiglia delle Lamiaceae e ha origine in Europa meridionale e occidentale. Questa specie, che è la più importante dal punto di vista medicinale, presenta le seguenti caratteristiche botaniche: trattasi di un arbusto sempreverde di circa un metro di altezza, quando è coltivato, con radice contorta e parte aerea molto ramificata. 

La Lavanda Officinalis non presenta grosse difficoltà di coltivazione, poiché piò crescere in qualunque tipo di terreno, anche preferisce le terre sassose e calcerio-argillose, esposte verso il sud e ben soleggiate. 

Origini 

Uno degli impieghi più antichi della lavanda è quello della distillazione dell’essenza per il suo impiego in cosmetica e come profumo. 

La pianta è astrologicamente nota come il fiore degli Arieti, poiché il suo aroma si dice che calmi l’aggressività dei nati sotto questo segno zodiacale. L’intuizione popolare coglieva l’influenza di questa pianta sul sistema nervoso, poiché si credeva che portare addosso la Lavanda proteggeva da ossessioni e spiriti maligni. 

I testi antichi riportano l’uso di lavanda per scopi medicinali e religiosi per oltre 2.500 anni. Fin dall’antichità, numerose civiltà hanno utilizzato le piante per scopi religiosi, medicinali e cosmetici; gli Egiziani usavano l’olio essenziale di lavanda nel loro processo di mummificazione e anche nei cosmetici. I Greci appresero dagli Egizi l’uso degli oli essenziali con particolare attenzione per l’arte delle profumeria, sia per proprietà medicinali che per impieghi cosmetici, e dalla lavanda individuarono le proprietà calmanti e stimolanti. 

A sua volta, I romani ereditano e ampliarono queste conoscenze, e da questa essenza trassero grande benefici, dato che la utilizzavano per la profanazione delle acque dei bagni terminali. Non a caso il nome Lavanda deriva dal latino lavanda, gerundio di “lavare – che deve essere lavato”. 

Proprietà e usi dell’olio essenziale di lavanda 

Fin dall’antichità è stato riconosciuto alla lavanda:

  • Alto potere antisettico, grazie alle sue proprietà germicide. Efficace nel trattamento di diverse irritazioni cutanee come acne, eczema e psoriasi. 
  • Potente antibatterico e quindi in grado di rafforzare il sistema immunitario. 
  • Ottimo calmante naturale utile per il trattamento di problemi neurologici come ansia, stress, depressione, emicranie e cefalee di origine digestiva. 
  • Grazie alle sue proprietà vermifughe e cicatrizzanti, previene infezioni e accelera la guarigione di tagli, ustioni, punture d’insetti e morsi di animali.
  • L’uso di olio di lavanda migliora la qualità del sonno. 
  • Prezioso utilizzo per combattere la caduta dei capelli, produzione eccessiva di forfora e in presenza di pidocchi.  
  • E’ un olio essenziale per lenire le irritazioni della pelle sensibile, adatto per la couperose e come tonico per il viso. 
  • Esercita un’azione stomachico-digestiva, per cui favorisce la digestione e promuove l’appetito. 
  • Da usare per alleviare i dolori reumatici, dolori mestruali, strappi muscolari, lussazioni e lesioni ai tendini. 
  • A motivo delle proprietà decongestionanti è particolarmente indicata nelle tossi convulsive e nell’asma, specie quella di natura allergica, laringiti e raffreddore. 
  • L’azione diuretica di questa pianta è necessario come coadiuvante negli stati ipertensivi, febbrili e infettivi. 

Raccomandazioni e Usi:

Vasca da bagno: 10 gocce in acqua rilassa le contrazioni muscolari e calma i dolori. 

Diffusore aromatico: basta aggiungere 2-3 gocce e tramite l’inalazione si potrà godere di tutte le proprietà calmanti. 

Sconsigliato utilizzare l’olio essenziale di lavanda in concomitanza con l’assunzione di sonniferi. Si consiglia sempre di consultare uno specialista al fine di avere le migliori indicazioni e i migliori effetti benefici sul lungo periodo.  

Porre sempre attenzione agli oli essenziali puri che ci si accinge ad acquistare: privi di solventi chimici, completamente naturali e preferibilmente di coltivazione biologica.

Per un acquisto sicuro, compra ora:

 


RIPRODUZIONE VIETATA. QUESTO ARTICOLO HA SOLO FINE ILLUSTRATIVO E NON SOSTITUISCE IL PARERE DEL MEDICO. NON E’ DESTINATO A FORNIRE CONSIGLI MEDICI, DIAGNOSI O TRATTAMENTO. DISCLAIMER

Articolo scritto da: Anna

You Might Also Like...

No Comments

    Leave a Reply

    Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

    Privacy Policy