Semi di chia: benefici e controindicazioni
Alimentazione sana

Semi di chia: benefici e controindicazioni

 

Semi di chia quali i benefici che apportano e quali le controindicazioni sul loro consumo. Una panoramica su questo alimento che oggi è “sulla bocca di molti”!

Vantaggi nell’assunzione dei Semi di chia

Prima di occuparci degli eventuali problemi che l’assunzione di semi di chia può generare, è bene parlare dei vantaggi di questo alimento. Primo tra tutti il fatto che i semi di chia sono ricchi di proteine, Omega-3, fibre e molecole che svolgono un azione antiossidante.

Questo cibo è consigliato a coloro che intendano mantenersi in salute e in aggiunta si vogliano aiutare nella lotta contro il diabete, contro le patologie cardiovascolari e perfino contro il cancro.

4 Proprietà dei semi di chia

Tra le proprietà i semi di chia presentano:

1. Un alto contenuto di fibre

La funzione delle fibre è quella di garantire il giusto apporto quotidiano necessario all’organismo che si aggira attorno ai 30g, e che gonfiandosi nello stomaco, vanno ad aumentare il senso di sazietà.

Inoltre le fibre vanno a migliorare il transito intestinale e agiscono come un “filtro” che riduce l’assorbimento di una percentuale di zuccheri semplici e di grassi, specie se si parla di colesterolo.  

2. Alto contenuto di antiossidanti

Questo alimento aiuta a combattere in virtù dei suoi antiossidanti, sia i radicali liberi sia l’invecchiamento, per cui svolgono un azione di prevenzione.

3. I semi di chia vanno a regolare i livelli di zucchero nel sangue

La resistenza insulinica è e rappresenta un problema gravoso per molte persone, i semi di chia la vanno a ridurre andando anche a migliorare i livelli di glicemia, entrambi i fattori evidenziati rappresentano un rischio per lo sviluppo della sindrome metabolica, del diabete e delle malattie cardiache.

4. Riduzione della pressione sanguigna

Ultimo aspetto ma non per importanza, è questo evidenziato. I semi di chia secondo diversi studi appaiono utili nel favorire la riduzione della pressione sanguigna nelle persone che presentano ipertensione arteriosa. 

Controindicazione sui semi di chia

Le controindicazioni che riguardano i semi di chia sono strettamente connesse al dosaggio, infatti superare le dosi consigliate che sono quelle di 25 grammi al giorno può diventare dannoso. In aggiunta a questo esiste anche un intolleranza ai semi di chia, che può manifestarsi se il dosaggio di questo alimento risulta errato per l’organismo.

I semi di Chia possono infatti provocare allergie, intolleranze e reazioni legate all’ipersensibilità. In aggiunta a tale intolleranza possono anche essere causa di problemi intestinali, visto che assorbendo molta acqua possono eventualmente provocare crampi e gonfiore. 

Un altra controindicazione sulla loro assunzione riguarda l’abbassamento della pressione sanguigna che porta a considerarli come controindicati per chi soffre di pressione bassa. 

In conclusione va segnalato un ulteriore controindicazione che riguarda l’eventuale assunzione dei semi di chia. Tale assunzione può entrare in “conflitto” con le interazioni farmacologiche in virtù dell’elevata percentuale di acidi grassi Omega-3 presenti in questo alimento, in particolare la persona che sceglie di assumere semi di chia deve tener presente che se si assumono farmaci anticoagulanti e fluidificanti è meglio evitare di introdurre nel proprio organismo i semi di chia, e se sta pensando comunque di prendere in considerazione questo alimento è bene che si consulti preventivamente con il proprio medico. 

 

 

Articolo scritto da: Erika  

Immagine di: ValeriaJa / Pixabay

You Might Also Like...

No Comments

    Leave a Reply

    Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

    Privacy Policy